Niente ripescaggio in D Per la panchina Staffa o Rughetti

Da un mese la Cynthia ha ufficialmente abbandonato sul campo la serie D dopo un’avventura di dieci stagioni consecutive. Come sempre accade dopo ogni finale di stagione, attorno ai movimenti della gloriosa squadra castellana si susseguono le voci che Fabio Costantini, uno dei tre patron con Otello Ballanti e Roberto Cicogna, provvede a spegnere in maniera ufficiale. «Abbiamo riflettuto se fare o meno la domanda di ripescaggio in serie D – spiega Costantini -, ma poi riflettendo sul fatto che fino a metà luglio non avremmo avuto una risposta concreta oltre a tutte le valutazioni economiche del caso, abbiamo deciso di non procedere. Cercheremo di fare un’Eccellenza da protagonisti».

Anche per quanto riguarda la proprietà non dovrebbero esserci novità. «Al momento non si vedono possibilità di nuovi ingressi, andremo avanti con le nostre forze» rimarca Costantini che poi aggiunge: «Delle novità potrebbero esserci a livello di organigramma dove tra l’altro andrà sostituita la figura dell’ormai ex direttore sportivo Andrea Finocchi. In queste ore valuteremo e decideremo». Il primo punto dovrà riguardare necessariamente la scelta dell’allenatore: Simone Rughetti, tecnico che ha concluso la stagione sulla panchina genzanese, potrebbe anche rimanere e tra le alternative è spuntato il nome dell’ex tecnico del Civitavecchia Gian Luigi Staffa. Qualche voce ha accostato anche il nome di Flavio Catanzani, ex tecnico di Anzio e Unipomezia, alla panchina genzanese. Poi bisognerà pensare ai giocatori, ma sarà un organico estremamente rinnovato: degli elementi più rappresentativi del vecchio gruppo sicuramente non rimarranno Bertoldi (che aspetta una chiamata dalla Lega Pro) e Scardola (per lui anche qualche proposta dalla Sardegna)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
IL MESSAGGERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *