La Nuova Florida si arrende alla Cynthia Genzano

Il Team Nuova Florida archivia con un bilancio di una vittoria e una sconfitta il doppio test ravvicinato con l’0stiantica e la Cynthia Genzano. Dopo aver rifilato un poker di reti alla compagine lidense (4-0), la squadra allenata da Bussone paga a caro prezzo gli sforzi profusi in gara-1 e rimedia un pesante passivo dalla compagine castellana (4-1), apparsa a sua volta nettamente più pimpante e avanti nella preparazione rispetto a Demofonti e soci. La Cynthia Genzano legittima una leggera supremazia territoriale, poco dopo la mezzora, per merito di Di Mario, abile a trasformare, con un’esecuzione perfetta, un calcio di rigore decretato dall’arbitro per un fallo commesso ai danni di Izzi. La formazione castellana allunga nel punteggio nella battute iniziali della ripresa con Marchionni, il quale sfrutta al meglio i maggiori spazi concessi dagli ardeatini, finalizza un rapido ribaltamento di fronte e indirizza il match tutto in discesa. La Cynthia Genzano, poco più tardi, va a segno per la terza volta con il giovane Di Meo, lesto ad avventarsi come un falco sulla sua preda su un pallone vagante in area di rigore e a fare centro da pochi passi. Il Team Nuova Florida, nei minuti seguenti, ha una generosa impennata d’orgoglio e accorcia le distanze con Cristofari, il quale trafigge il portiere rivale con una splendida conclusione dal limite dell’area. L’ex attaccante del Cedial Lido dei Pini incastra la sfera sotto l’incrocio dei pali e si toglie la soddisfazione personale di siglare la terza rete del precampionato dopo la doppietta messa a segno con il Montespaccato. L’ultimo episodio degno di nota della gara si registra in piena zona Cesarini. La Cynthia Genzano cala il poker con l’ottimo Marchionni, il quale ricopre al meglio il ruolo di terminale offensivo di una pregevole azione manovrata, iscrive per la seconda volta il suo nome nel tabellino e costringe la truppa biancorossa a incassare una sconfitta piuttosto pesante nelle proporzioni.

Antonio Gravante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *