Parità nervi tesi, il Vescovio non ne approfitta

Cynthia – Atletico Vescovio 1-1

Davvero difficile commentare questa gara, un pareggio determinato dalle decisioni del direttore di Gara. Ci limiteremo a fare la cronaca della partita, senza scendere in valutazioni che non sarebbero gradevoli e non conformi al nostro modo di gestire un social. La Cynthia è in vantaggio al minuto 14, con di Mario che calcia un rigore solare accordato per fallo su Morra. La gara non ha alcun sussulto caratteriale fino ad uno scontro di gioco dove Izzi in rotazione fa fallo sull’avversario. Il direttore di gara lo espelle stupendo tutti e si innesca un parapiglia sotto la panchina ospite che tutta compatta si destreggia con maestria nella bagarre. Dal parapiglia il direttore tira fuori altri 2 cartellini rossi per Lisari e per un avversario. La situazione si scalda anche in tribuna ma fortunatamente il popolo genzanese è da sempre accogliente e il tutto si stempera. A pochi minuti dal termine della prima frazione di gara, Di Mario in contatto con il portiere avversario viene espulso dal direttore di gara per motivi ancora sconosciuti. Una gara che non aveva visto volare neanche una scorrettezza si ritrova a dover esser giocata 8 contro 10 il secondo tempo, durato 51 minuti e 25 secondi, è una frazione di sacrificio dei nostri ragazzi che capitolano una sola volta per un cross fortuito che sbatte sulla traversa e termina in rete.

La Cynthia senza 2 squalificati come Scardola e Fabiani, con tre espulsi, si mette li a ringhiare per difendere il risultato. I nostri ragazzi escono nel tripudio, perchè chi suda la maglia di una società storica avrà sempre l’onore della propria gente.

Degli accadimenti non vogliamo parlare perchè di questa assurda domenica vogliamo solo che resti negli occhi di tutti la prestazione dei nostri ragazzi e il comportamento intelligente e rispettoso dei nostri sostenitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *